Geoclima è ERP Ready

Geoclima è “ERP Ready” e anticipa le nuove normative

Turbomiser di Geoclima supera largamente tutti i nuovi livelli minimi di efficienza, garantendo al contempo il più basso impatto ambientale e un risparmio energetico fino al 50%.

Il 1 gennaio 2018 è ufficialmente entrato in vigore il Regolamento UE 2016/2281 che stabilisce i nuovi valori di efficienza minima per le unità di raffrescamento aria e refrigerazione che vengono vendute e installate sul territorio europeo.

Questo Regolamento attua la Direttiva ErP (Energy related Products) 2009/125/CE per l’istituzione di un quadro per la progettazione ecocompatibile dei prodotti connessi all’energia. Il suo scopo è quello di aumentare progressivamente l’efficienza delle macchine immesse sul territorio europeo al fine di ridurre il consumo energetico, con conseguenti vantaggi in termini sia economici che ambientali.

Il regolamento stabilisce nuovi livelli minimi di efficienza e prestazioni per i diversi tipi di unità a seconda del tipo di applicazione: il calcolo viene infatti effettuato sull’intero ciclo di vita della macchina, tenendo in considerazione le effettive condizioni di funzionamento. Vi è quindi una distinzione netta tra applicazioni di tipo comfort cooling – che prevedono un funzionamento stagionale – e applicazioni process cooling – dove il funzionamento della macchina non è soggetto alle variazioni stagionali. Nuovi limiti ancora più stringenti entreranno in vigore a partire dal 2021.

Le soluzioni Geoclima – ERP READY

Geoclima è oggi in grado di fornire soluzioni totalmente “ERP READY”, con livelli di efficienza che superano ampiamente i valori minimi previsti a partire dal 2021.

L’intera gamma di chiller Turbomiser (compresa la sua nuova serie Circlemiser), con compressori Turbocor oil-free, garantisce livelli di efficienza altissimi, risultando di fatto la gamma di chiller più efficiente presente sul mercato HVAC, sia per le applicazioni di tipo comfort cooling che per le applicazioni process cooling, sia a pieno carico che a carico parziale. Ad ulteriore garanzia del cliente finali, i valori di efficienza dei nostri chiller Turbomiser sono garantiti dalla certificazione AHRI, sia per le unità ad aria (AHRI ACCL) sia per le unità ad acqua (AHRI WCCL).

Inoltre, la combinazione con il refrigerante a basso GWP HFO1234ze garantisce livelli di efficienza eccellenti assieme ad un impatto ambientale minimo, rendendo di fatto Turbomiser la tecnologia oggi migliore in termini di efficienza, prestazioni e impatto ambientale.

COMFORT COOLING

Per i prodotti di raffreddamento per applicazioni di tipo comfort cooling il nuovo regolamento europeo ha stabilito il livello di efficienza energetica stagionale minima, espressa dal valore ηs,c

Valori minimi previsti dal Regolamento UE 2016/2281 Turbomiser
Unità 01/01/2018 01/01/2021 Oggi
Condensate ad aria < 400 kW 149 (3.8) 161 (4.1) 5.0
> 400 kW 161 (4.1) 179 (4.6) 5.6
Condensate ad acqua < 400 kW 196 (5.0) 200 (5.1) 7.1
400 – 1500 kW 227 (5.8) 252 (6.4) 7.6
> 1500 kW 245 (6.2) 272 (6.9) 8.1

 

PROCESS COOLING

Per i chiller per applicazioni di tipo process cooling, il nuovo regolamento europeo stabilisce il nuovo indice di prestazione energetica stagionale minima (SEPR)

Valori minimi previsti dal Regolamento UE 2016/2281 Turbomiser
Unità 01/01/2018 01/01/2021 Oggi
Condensate ad aria < 400 kW 4.5 5.0 6.1
> 400 kW 5.0 5.5 6.6
Condensate ad acqua < 400 kW 6.5 7.0 9.5
400 – 1500 kW 7.5 8.0 10.6
> 1500 kW 8.0 8.5 11.2

 

Benefici della tecnologia Turbomiser

  • tecnologia ultra efficiente – ampiamente al di sopra dei livelli di efficienza minimi
  • basso impatto ambientale – combinazione con refrigerante HFO-1234ze a basso GWP
  • risparmio energetico (ed economico) dal 30% al 50% rispetto alle tecnologie più tradizionali
  • prestazioni ed efficienza garantiti da certificazione AHRI (ACCL e WCCL)
  • massima efficienza sia per comfort cooling che per process cooling
  • tecnologia consolidata: primo chiller Turbomiser – 2006 / primo Turbomiser con HFO – 2012